Articoli&Commenti

15Dicembre2017

 62 visitatori online

Cerca Sentenze

Sito aggiornato:Venerdì 21 Luglio 2017, 07:01

SENTENZE PER TUTTI

 up direction
 down direction

Trasforma la pistola giocattolo in arma vera e pronta a sparare: condannato

  • PDF

Trasforma la pistola giocattolo in arma vera e pronta a sparare: condannato

Venti mesi di reclusione ed una multa “salata”: è la pena inflitta all'“armaiolo” di Carovigno che, circa due mesi e mezzo fa, fu fermato dai carabinieri mentre se ne andava in giro per il paese con al seguito la sua pistola giocattolo, modificata artatamente e trasformata in un'arma vera e pronta a sparare.

Una pistola a salve calibro 8, marca “Bruni Armi srl”, che le mani del 66enne carovignese Salvatore Baldassarre Nicolì avevano modificato in un'arma potenzialmente letale, capace di sparare proiettili “calibro 6.35 Browning”, come le sette pallottole rinvenute nel caricatore di cui era corredata.

La sentenza di condanna è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brindisi, Maurizio Saso, che ha accolto la richiesta di patteggiamento della pena avanzata dal difensore del 66enne, l'avvocato Giovanni Francioso.

Salvatore Baldassarre Nicolì, con recidiva specifica, ha concordato col gip la pena ad un anno ed otto mesi di reclusione, oltre a dover pagare una multa di seimila euro: è accusato di avere “illegalmente fabbricato, detenuto e portato in luogo pubblico un'arma comune da sparo” e di avere modificato una pistola giocattolo in un'arma capace di “ricevere ed esplodere munizionamento ordinario per arma comune da fuoco, calibro 6.35 Browning”.

L'arresto del 66enne di Carovigno risale al 21 febbraio scorso, quando i carabinieri del Norm della Compagnia di San Vito dei Normanni lo fermarono alla guida della sua auto e, al termine delle perquisizioni personale e veicolare, lo trovarono in possesso della pistola giocattolo, modificata in arma vera. Subito arrestato, l'uomo fu ristretto agli arresti domiciliari, ma dopo una settimana fu rimesso in libertà. Adesso, però, dovrà andare in carcere.

Claudio Tadicini

Pubblicità

 

 

magiada1

 

 

ediltrulli

 

 

       

Per la tua pubblicità su questo sito

Omnibus Italia srl

393 2667877