Articoli&Commenti

17Agosto2018

 90 visitatori online

Cerca Sentenze

Sito aggiornato:Venerdì 21 Luglio 2017, 07:01

SENTENZE PER TUTTI

 up direction
 down direction

In materia di revisione del classamento catastale - Studio Legale Tributario Leo

  • PDF

Preg.mi Redazione,

in allegato Vi invia articolo dell’Avv. Maria Leo e dell' Avv. Leonardo Leo, pubblicato sul Quotidiano di Puglia del 19 Aprile 2014, che commenta la recente sentenza del Consiglio di Stato n. 1903/2014 che si è espressa in materia di revisione del classamento catastale ex art. art. 1, comma 335, legge 311/2004 operato nel Comune di Lecce.

La sentenza, in particolare, pronunciatasi sull'appello proposto dall'Agenzia delle Entrate e dal Ministero delle Finanze contro un contribuente e diverse associazioni dei consumatori (Codacons, Adusbef, Adoc), in riforma della sentenza emessa dal TAR Puglia, Sez. Staccata di Lecce, Sez. 1, n. 1621 dell'11/07/2013, ha statuito il proprio difetto di giurisdizione, indicando come giudice competente la Commissione Tributaria.

In primo grado, il TAR aveva dato ragione al contribuente e alle associazioni dei consumatori annullando tutto il procedimento effettuato ai sensi dell'art. 1, comma 335, legge 311/2004.

La decisione del Consiglio di Stato è basata su un dato assolutamente errato.

Infatti, i giudici di Palazzo Spada hanno fondato il proprio convincimento sull'art. 74 della legge n. 342/2000 (“Attribuzione o modificazione delle rendite catastali”) che nel testo richiama l'art. 2, comma 3, del D. Lgs. n. 546/92 (legge sul processo tributario), non accorgendosi che, con delle modifiche intervenute medio tempore, il comma 3 dell'art. 2 è ora divenuto il comma 2!

Il richiamo del Consiglio di Stato alla disposizione di cui al comma 3 dell'art. 2 del D. Lgs. n. 546/92 è quindi del tutto inconferente in quanto la norma richiamata dall' art. 74 della legge n. 342/2000 è oggi contenuta nel comma 2, e non già nel comma 3, dell'art. 2 del d.lgs. n. 546/1992.

Il Consiglio di Stato, con tale decisione fondata su un'autentica svista, giunge a superare il meccanismo della disapplicazione degli atti presupposti da parte dei giudici tributari attribuendo loro una cognizione anche dell'atto a monte con consequenziale attribuzione del potere di annullamento.

Cordiali Saluti

Studio Legale Tributario Leo

Ultimo aggiornamento Giovedì 24 Aprile 2014 07:16

Pubblicità

 

 

magiada1

 

 

ediltrulli

 

 

       

Per la tua pubblicità su questo sito

Omnibus Italia srl

393 2667877