Articoli&Commenti

25Ottobre2014

 33 visitatori online

Cerca Sentenze

Sito aggiornato:Venerdì 24 Ottobre 2014, 07:14
 
 
Cerca :
 

SENTENZE PER TUTTI

 up direction
 down direction

Cerca Sentenze

 

Non sono soggetti ad Irap i proventi che un lavoratore autonomo percepisca come compenso per le attività svolte all’interno di una struttura da altri organizzata.

Corte di Cassazione – Sentenza n. 21150 dell’ 8 ottobre 2014, n. 21150


 

Grava sul lavoratore la prova che una diversa attività lavorativa sia compatibile col suo stato di malattia e comunque coerente con gli obblighi pacificamente gravanti sul dipendente ammalato.

Corte di Cassazione – Sentenza n. 21093 del 7 ottobre 2014, n. 21093


 

Non è compito del giudice invocato per dichiarare la simulazione assoluta di un contratto in danno dei creditori accertare, neppure incidenter tantum, il potenziale diritto di credito dell'attrice nei confronti del convenuto.

Tribunale di Brindisi – Sezione unica civile, avv. Mariarosaria Porfilio – Sentenza n. 1564 del 2 ottobre 2014


 

I termini per esperire l'azione di disconoscimento della paternità sono termini di decadenza e non di prescrizione, con la conseguenza che, una volta decorso il termine, la decadenza deve essere rilevata d'ufficio dal giudice.

Tribunale di Brindisi – Sezione unica civile, relatore dott. Giovanni Surdo – Sentenza n. 1525 del 30 settembre 2014


 

L'appostazione a sofferenza implica una valutazione da parte dell'intermediario della complessiva situazione finanziaria del cliente e non può scaturire automaticamente da un mero ritardo di quest'ultimo nel pagamento del debito.

Tribunale di Brindisi – Sezione unica civile, dott. Pietro Lisi – Sentenza n. 1565 del 2 ottobre 2014


 

Nella ripartizione dell'onere probatorio spetta all'attore fornire la prova del nesso eziologico tra la cosa e l'evento lesivo, mentre sul convenuto incombe la prova del fortuito.

Tribunale di Brindisi – Sezione unica civile, avv. Tonia Rossi – Sentenza n. 1541 del 1 ottobre 2014


 

Il mancato uso del casco si inserisce nella sequenza causale che collega il fatto del conducente dell'autovettura investitrice con il trauma cranico, interrompendola, ma non elidendola del tutto con la sovrapposizione di una serie causale nuova, autonoma e autosufficiente.

Tribunale di Brindisi – Sezione unica civile, dott. Loredana Galasso – Sentenza n. 1331 del 16 settembre 2014


 

La repentinità del “toccamento” è una forma di violenza sessuale essa stessa, in quanto permette di superare la volontà contraria della vittima.

Tribunale di Lecce – Seconda sezione penale, relatore Dott. Marcello Rizzo – Sentenza n. 804 del 25 settembre 2014


 

Qualora il danno sia stato determinato non da cause intrinseche al bene demaniale, bensì da cause estrinseche ed estemporanee create da terzi, quali ad esempio l'abbandono improvviso sulla strada di oggetti pericolosi, è configurabile il caso fortuito ai fini dell'esonero dalla responsabilità.

Tribunale di Brindisi – Sezione unica civile, dott. Cosimo Almiento – Sentenza n. 1332 del 16 settembre 2’14


 

E’ assolutamente impignorabile la parte della pensione necessaria per assicurare al pensionato i mezzi adeguati alle esigenze di vita (c.d. "minimo vitale"), e pignorabile nei soli limiti del quinto.

Tribunale di Lecce – Sezione commerciale, dott. Alessandro Silvestrini – Sentenza n. 3498 del 24 settembre 2014


 

Il dovere di correttezza si sostanzia in una agevole attività personale o in un lieve sacrificio patrimoniale tesi ad evitare le ulteriori conseguenze dannose dell'inadempimento.

Tribunale di Brindisi – Sezione unica civile, dott. Francesco Cavone – Sentenza n. 1322 del 15 settembre 2014

Pubblicità

 

magiada1

 

 

ediltrulli

Per la tua pubblicità su questo sito

Omnibus Italia srl

393 2667877